Crea sito

ETICAMENTE

INCONTRO: TI TAGLIO A FETTE IL COMMERCIO EQUO (1)

Il resoconto è stato fatto da Serena e Max Gini

Ci aiutano ad approfondire il tema:
Marco Bindi Vdp/CTM
Paolo Costantini Vdp
Monica Raineri Gruppo Consumo Critico Firenze Social Forum

Il Comes nasce in Olanda 30 anni fa grazie ad un gruppo di persone che avevano difficoltà a smerciare prodotti come il caffé xché il mercato internazionale era bloccato dalle multinazionali.

In Italia 15 anni fa nacquero i primi gruppi che poi diventeranno le attuali Botteghe o cnetrali di importazione:
(x ordine di nascita)
- CTM
- Comm Altern
- Roba dell'altro mondo
- Roba

6/7 anni fa ci fu una grossa crisi del Comes: inizia una "lotta" tra le centrali che dura 2/3 anni e comincia ad appianarso con la Carta dei diritti (1999), che è una base comune a tutti.

Adesso siamo in un momento importante xché tutte le centrali di importazione daranno vita al Registro delle organizzazioni del Comes (che serve a tutelare il Comes).

Almeno in Italia sono sempre state chiare queste caratteristiche:
1 c'è un Progetto, il prodotto è solo un mezzo, non un fine
2 il prodotto è unito alle Informazioni

Visto l'impatto che la grande distribuzione ha, tra le altre cose, sulla piccola e tipica produzione locale, abbiamo il problema di come considerare il rapporto tra Comes e grande distribuzione.

In Italia sono moltissime le botteghe (350-400), mentre negli altri paesi europei il Comes fa capo soprattutto alla grande distribuzione.

Il Comes non è ancora riconosciuto dalle leggi italiane, c'è un cammino verso il riconoscimento:
è nato un gruppo x gestire il Registro (che diventerà quasi l'albo dove iscrivere le botteghe che rispettano i criteri della carta),
registro fortemente voluto da quasi tuttel le BdM.

Transfair è un marchio italiano che certifica che il prodotto venga fatto da persone iscritte ad un albo di produttori che devono rispettare determinate regole, però mancano le informazioni su chi ha iscatolato il prodotto e su chi lo vende.

Qual è il modello di commercio proposto dalla grande distribuzione?
Qui nasce un problema su cui riflettere
(Monica: il Comes deve far cambiare il modo di pensare della gente, creare una capacità critica, e non preoccuparsi semplicemente di vendere di più)


Marco Bindi è un promoter di Ctm nel Villaggio dei popoli.
I promoter si occupano anche di verificare che negli scaffali dei supermercati non ci sia bisogno anche di altri prodotti;
e promuovono prodotti nelle mense, scuole, circoli.

Il 60% del contributo totale è dovuto alla grande distribuzione